Chi sono

Psicologa e psicoterapeuta, mi ha da sempre attratto la psicologia e lo studio dell’essere umano dal punto di vista olistico.

Ho cominciato da giovanissima ad affiancare il percorso di studi tradizionale all’Università (alla Sapienza di Roma, Facoltà di Psicologia) con uno di ricerca e di lavoro personale.

Il mio primo approccio alla psicoterapia è stato con Raffaele Ponticelli, Istituto Grossman psicoterapeuta di formazione bioenergetica e corenergetica e allievo di Jules Grossman. Ho avuto quindi un imprinting di una psicoterapia del cuore, dell’ascolto, dell’integrazione tra corpo, mente e spirito. In questo percorso con Raffaele ho imparato ad ascoltare il mio corpo, il mio cuore e la mia bambina interiore e a onorare le relazioni e le esperienze della vita, anche quelle dolorose. E soprattutto è stato messo il seme di una coscienza spirituale che si è poi sviluppata negli anni seguenti. Tutte le esperienze straordinarie che ho fatto dai 20 anni, quando ho cominciato il mio percorso, mi sembravano “normali” e solo dopo, continuando la mia formazione professionale, ho compreso il grande dono che avevo avuto a vivere da subito la formazione in modo esperienziale.

Ho conosciuto Jules Grossman, psicoterapeuta olistico e formatore, attraverso Raffaele, e lo riconosco come mio Maestro. Ho avuto invece la fortuna di lavorare direttamente con l’amata Teddy Grossman, terapeuta e compagna di Jules, e con Gabriella Cipriano, donna fondamentale del mio percorso.

Uno dei messaggi più importanti e che più hanno determinato il mio approccio è stato quello di Jules che mi è arrivato attraverso Raffaele:

 “Voi dovete credere nella vostra sensibilità se volete fare i terapeuti. Dovete credere che quello che vi dice il vostro cuore è giusto

Il cuore è quella sfumatura sottile che fa sentire se una cosa va bene, e qual è in quel momento, tra le tante possibili, la cosa giusta da dire al paziente. La tecnica, le conoscenze, mettono a disposizione una vasta gamma di interventi, ma solo il cuore in quel momento sa dire quale scegliere. L’ascolto dell’altro e di se stessi.

Significativi sono stati i miei studi con Vezio Ruggeri, docente di Psicofisiologia Clinica a Roma, attraverso cui ho appreso il modello psicofisiologico integrato e le tecniche psicocorporee che ancora utilizzo quando lavoro.

Altra tappe importante della mia formazione è stata la comico terapia.

Mi sono avvicinata alla comicoterapia nel lontano 1995, cercando un argomento nuovo su cui svolgere la mia tesi di laurea. Partendo dall’interesse per la psicooncologia,  ero alla ricerca di un approccio terapeutico che integrasse mente e corpo, che desse spazio alle emozioni e fornisse contemporaneamente un sostegno per migliorare la qualità della vita.

In questa ricerca mi sono imbattuta in Sonia Fioravanti e Leonardo Spina, fondatori di Ridere per Vivere, una delle prime, straordinarie, associazioni che si occupavano della terapia del ridere, dei suoi effetti terapeutici, e della possibilità di applicarli in pazienti con varie problematiche. Desiderosa di sperimentarmi, frequentai il laboratorio di comicoterapia attiva da loro creato. Da allora, sono seguite numerose esperienze e acquisizioni in questo campo, e ho avuto più volte il piacere di trasmetterle a mia volta. Devo molto all’acquisizione di questo metodo, che tante volte nella mia vita mi ha fornito la possibilità di sdrammatizzare e trasformare momenti difficili.

La comicoterapia mi piace perché è uno strumento potente,  agisce a più livelli ed è trasversale, duttile in moltissime situazioni, per persone di tutte le età e con i disagi più vari.  E’ anche uno strumento molto semplice e immediato, che aiuta a riconnettere al  bambino interiore che già sa ridere.  Mette in contatto con le risorse che sono già dentro di noi, con la nostra parte comica. Ridere di se stessi aiuta a mettersi in gioco e cambiare il proprio punto di vista, la percezione che si ha di sé e degli altri.

Il percorso è proseguito con la formazione in Psicoterapia Familiare e Relazionale presso l’IPR di Napoli, viaggio impegnativo, arricchente e entusiasmante.

 

Da qualche anno mi sto dedicando con entusiasmo a un lavoro con le donne, al sostegno del risveglio e della condivisione del potenziale femminile, attraverso Cerchi di donne, laboratori di creatività ed espressione. Ho partecipato alle due edizioni dell’Agenda della Dea, un bellissimo lavoro voluto e coordinato da Simona Guardamagna e attuato da un gruppo di donne, un percorso sciamanico di creatività e guarigione.

Partendo da un lavoro personale, ho approfondito la tematica del rapporto tra Cibo Corpo Emozioni,  sviluppando un personale approccio per il trattamento dei disturbi alimentari e del sovrappeso, integrando varie tecniche e formandomi, tra l’altro, con Debori Conti in Coach di Giusto Peso Per Sempre.

Attualmente vivo e lavoro a Gorizia, ricevo su appuntamento alla Salus, dove svolgo la mia attività di psicoterapeuta e dove propongo laboratori esperenziali di crescita personale, comico terapia, creatività, rapporto con il cibo e le emozioni, da sola o insieme ad altre figure professionali.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>